Abitare con i fantasmi. Ecco la mia storia

Abitare con i fantasmi. Ecco la mia storia

Abitare con i fantasmi potrebbe essere un’esperienza sconvolgente, non tutti però la vivono allo stesso modo. Ecco la storia vissuta da una nostra utente.

“Da bambina, sono sempre stata affascinata dal paranormale. Credo negli spiriti da tutta la vita, poiché mia madre consultava i medium per parlare con la mia amata nonna. Io e le mie sorelle, da ragazze, usavamo sempre la tavola Ouija.

Quando ero piccola mia nonna viveva con noi. È morta quando avevo 4 anni. Circa un anno dopo la sua morte sentivo dei passi al piano di sopra o il tonfo di cose che le appartenevano che cadevano dallo scaffale. Mia sorella ha avuto un’esperienza che l’ha spaventata quando aveva circa sei anni. Racconta sempre che mentre era nella stanza della nonna ha sentito qualcuno sussurrarle all’orecchio “Sono qui per te”.

La prima volta che ho contattato una medium avevo 24 anni. Volevo parlare con mia madre, morta di cancro l’anno precedente. Sono venute anche le mie sorelle. La medium ci disse che era in pace e ci amava.

Quando quella sera tornai a casa da mio marito e mio figlio neonato, mi addormentai immediatamente. Mentre dormivo, ho sentito una bottiglia di vetro cadere da uno scaffale del bagno e rompersi. Ho semplicemente scrollato le spalle e sono andata a dormire pensando che avrei pulito la mattina dopo. Eppure, quando mi sono svegliata, non c’era nessuna bottiglia di vetro sul pavimento. E nessuno aveva ripulito.

Circa una settimana dopo questo episodio, ho scoperto di essere incinta del mio secondo figlio. Avevamo invitato alcuni amici per l’evento, e mentre stavo parlando con la mia amica, è “caduto” un bicchiere di vino dalla tavola ed è atterrato perfettamente in piedi sul pavimento. I nostri ospiti sono rimasti scioccati, così come me e mio marito. Non appena se ne sono andati, stavo indossando il pigiama quando ho sentito bussare forte nel muro. L’ho ignorato, ma ero comunque spaventata.

Per circa sei mesi, non accadde nulla di grave, solo passi o colpi. Quando ero incinta di circa sette mesi, ero a casa da sola perché mio marito era al lavoro. Stavo lavando i piatti, quando un piatto è volato via dalla mia mano ed è caduto a terra. Si è rotto in due pezzi. Quando mio marito tornò a casa gli raccontai dell’incidente. Eravamo abituati ad abitare con i fantasmi e l’abbiamo ignorato di nuovo.

Tre mesi dopo ho dato alla luce mia figlia. Quando l’abbiamo portata a casa, ho potuto sentire la presenza di mia madre. È stata una sensazione strana. Sono andata di nuovo dalla medium quando la piccola aveva quasi due anni. Mi disse che mia madre l’aveva riconosciuta. Ho chiesto se era lì con noi. La medium me l’ha confermato.

La bambina ha avuto un incidente domestico alle quattro, un numero sfortunato nella nostra famiglia. Ha detto di aver sentito una mano sulla schiena che la tratteneva. Un anno dopo mia figlia mi disse di aver visto “qualcuno”, la piccola ha visto numerose volte “un viso con adorabili occhi azzurri e capelli biondi”, che è la descrizione di mia madre. Le ho mostrato una foto e lei ha confermato “questa è quella donna che ho visto”. Sono decisamente una credente.”


Guarda anche: