Case infestate, il mistero dei fantasmi delle ville di Mondello

Case infestate, il mistero delle ville di Mondello

Potrebbero interessarti anche...

30 Risposte

  1. Mario ha detto:

    Sulla villa nei pressi dell’Hotel Palace, costruita in stile pompeiano nei primi anni 1920′, vorrei dire che da alcuni diari scritti da una ragazza che viveva a Mondelo negli anni 1930′, recentemente ritrovati da un architetto che conosco, si evincerebbe che le leggende sulle presenze soprannaturali in questo edificio risalgano a prima della guerra.
    Sulla villa Caboto, vorrei aggiungere che dovrebbe trattarsi di quella vicino all’angolo sud-est accanto la stazione di servizio abbandonata. Poichè su quell’angolo sorgeva l’antica chiesa di Valdesi, demolita nel 1906. Non è chiaro se nella chiesa vi fossero tombe ; pare anche che l’antica chiesa fosse stata costruita su un terreno ritenuto sacro per qualche motivo. Quindi è molto probabile che la leggenda di villa Caboto derivi da una profanazione dell’area.
    In fine aggiungo che a partire dal 1925, dato che la massoneria fu dichiarata fuori legge dal fascismo, i massoni si riunivano in clandestinità in una villa di Mondello, non bene identificata, nei pressi di viale dei Pioppi, dove pare abbiano costruito il loro tempio con affreschi e simboli esoterici segreti.Qualcuno afferma che il tempio dopo la guerra fu usato da una setta satanica operativa fino agli anni 1970′. Ho sentito anche parlare di un percorso esoterico a Mondello che alcuni iniziati o illuminati compiono a scadenze regolari come parte di un rito, mi piacerebbe saperne di più.

  2. Antonio ha detto:

    Si trova a piazza Caboto, in zona valdesi, io ci sono stato e fatte foto, non è la casa, come in figura, che è poi la casa che da sia sulla piazza e sulla strada principale, ma è la casa centrale subito a fianco con la villa

  3. Karima ha detto:

    Ma se ci vado potrebbe succedere qualcosa ?

  4. Loredana ha detto:

    Caspita nel 2011 mi trovavo a passare proprio di lì al ritorno dal mare ero assieme a mio figlio, allora aveva 6 anni. La villa con la ringhiera gialla di fronte l’hotel Palace.
    Io anni prima, ignorai il mio ex cognato e mio cugino che raccontarono che mentre erano lì davanti si affacciò un signore sui 55 anni, cappelli bianchi e lo sguardo di ghiaccio, questo li invitava ad entrare per girare la villa. Loro si guardarono negli occhi e ringraziarono il signore che diceva di essere il nuovo proprietario e con una scusa dissero che dovevano andare via. Così lui li prego che giorno 1 aprile ci sarebbe stata una riunione per fare capire alle persone che questa villa non è affatto infestata.
    Poi gli diedero la mano era congelata e lo sguardo di ghiaccio senza pupille. Io passando da lì con mio figlio in moto ci accorgemmo subito che lì davanti il cancelletto c’erano il signore con capelli bianchi e sguardo di ghiaccio che dalla descrizione corrispondeva a quella di mio cugino e del mio ex cognato, poi c’erano donne magre che appena si accorsero che guardavamo si girarono di scatto e andarono verso dentro e bambini piccoli e passeggini antichi. Il tempo di fare il giro dalla villa pure a senso unico che lì davanti non c’erano più, ma solo un gattone enorme che mi fissava male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *