Che paura in quella casa, spaventata e cacciata dagli spiriti


Che paura in quella casa, sentivo che eravamo in pericolo e dovevo proteggere il mio bambino. Non riuscivo più a sopportare tutto questo.

Non vi dico che paura in quella casa, ho avuto delle esperienze terribili che non auguro a nessuno, ma ora che è tutto passato voglio raccontarvi quello che è successo.

Ripensandoci bene oggi, a mente lucida, avrei dovuto essere un poco sospettosa quando il nostro vicino di casa mi disse che tutti gli inquilini precedenti, della casa che avevamo appena affittato, erano rimasti solo per poco tempo, dicevano che era infestata dai fantasmi. Ma all’epoca ero così felice, che finalmente eravamo riusciti a trovare un posto decente dove abitare, che non ho dato peso a quelle parole.

Io ero incinta del mio primo figlio e la mia priorità era una casa accogliente e sicura per la nostra piccola famiglia. I primi quattro mesi siamo stati abbastanza tranquilli sia io che il mio compagno, ma dopo la nascita di nostro figlio sono cominciate ad accadere le cose più strane.

Una sera mentre guardavamo la televisione mi è capitato di dare un’occhiata in fondo al corridoio, nello stesso istante anche il mio compagno si è voltato in quella direzione, e abbiamo visto un’ombra che sfiorava lo stipite della porta della camera da letto. Sembrava la sagoma di un uomo.

Alcune sere dopo il nostro televisore, quasi nuovo, ha iniziato ad avere uno sfarfallio, poi ha smesso di funzionare del tutto. L’ho portato da un tecnico per farlo riparare, ma dopo due giorni il riparatore mi ha chiamata per dirmi che la TV era in perfetto stato e funzionava normalmente, non aveva riscontrato nessun problema.

Così sono andata a ritirarla, la tv ha funzionato per un paio di sere fino a quando lo schermo non è diventato tutto bianco e si è spenta. L’ho portata in un altro negozio di riparazione, ed è successa la stessa cosa di prima. Niente di rotto, la tv era a posto. Dopo due settimane anche la lavatrice, l’asciugatrice e l’impianto stereo si sono guastati in modo imprevisto.


A rendere la situazione in casa ancora più inquietante ci si è messo pure il mio gatto, che ha iniziato a comportarsi in modo strano. Era sempre stato un gatto molto affettuoso e rilassato, ma ho notato che quasi tutto il giorno sembrava spaventato e non gli piaceva stare molto all’interno della casa. Stava seduto a fissare il nulla, di tanto in tanto emetteva uno strano miagolio e poi si scagliava improvvisamente contro qualcosa (o qualcuno) che noi non potevamo vedere.

Sembrava molto turbato, così sono stata costretta a regalarlo a mia sorella, dove si è subito trovato bene e rapidamente è tornato ad essere tranquillo e amorevole come prima.

Non molto tempo dopo la partenza del gatto abbiamo iniziato a sentire tutti i tipi di rumori possibili, porte che sbattevano, passi durante la notte e graffi sul muro. A volte notavo dei casuali e inspiegabili punti freddi in quella casa.

Abbiamo avuto anche problemi con le serrature di porte e finestre. Succedeva di tornare a casa e trovare la porta d’ingresso aperta, sapendo che l’avevamo saldamente chiusa. Altre volte uscivo un attimo per ritirare la posta o per stendere il bucato e restavo chiusa fuori casa. Così ho iniziato a portare un mazzo di chiavi con me anche quando ero dentro, ma continuavo ad avere il terrore, che paura provavo.

Un’altra volta, mentre mi trovavo in bagno e mi stavo spazzolando i capelli ho sentito una mano sulla spalla, come se qualcuno stesse cercando di richiamare la sua attenzione. In bagno c’era uno specchio grande e dietro di me non vedevo nessuno!

La notte poi capitava spesso di sentire bussare sulle pareti della camera da letto e il rumore delle porte di casa che si aprivano e chiudevano. Stare in casa la notte era diventato inquietante e spaventoso e io ho temevo molto per il nostro bambino.

Spesso mi sentivo molto a disagio quando ero a casa da sola con il piccolo e avevo la sensazione che qualcuno mi stava guardando, a pensarci mi viene ancora la pelle d’oca, che paura.
Cacciata via da uno spirito, che paura in quella casa

Una mattina mi sono alzata presto e ho subito controllato il mio bambino, prima di fare il percorso verso la cucina, una volta lì mi sono trovata davanti una scena sconfortante: pentole e padelle erano sul pavimento e alcune ante dei mobili erano aperte. Mi sono messa a raccogliere le pentole e rimetterle di nuovo al loro posto, ma qualcuna era nuovamente caduta, come se ci fosse una mano invisibile che le spingeva fuori.

Questo è successo davanti ai miei occhi e per quanto ho cercato di restare calma e lucida alla fine sono scappata dalla cucina per nascondermi in camera da letto, che paura che ho provato. Ho chiamato il mio compagno al lavoro e gli ho detto che ne avevo avuto abbastanza e volevo uscire di casa. In quell’istante. Mi sentivo sempre più a disagio e temevo per tutti noi.

Quel giorno telefonai anche a una mia amica per aggiornarla sugli eventi raccapriccianti che ci stavano accadendo. Lei cercò di tranquillizzarmi e il giorno dopo mi richiamò per darmi il numero telefonico di un medium e di un cacciatore di fantasmi. Li contattai per una visita, il più presto possibile.

Subito dopo essere entrato in casa, il medium mi disse che si trattava dello spirito di un giovane ventenne, molto schivo e che non voleva ‘comunicare’. Il medium si spostava da una stanza all’altra e ogni tanto parlava ad alta voce.

Poco tempo dopo è tornato in cucina e mi ha detto che aveva cercato di parlare con il nostro fantasma ‘schivo’ e convincerlo ad andare verso la luce, ma quest’ultimo aveva rifiutato categoricamente, anzi ha aggiunto che non aveva alcuna intenzione di andarsene.

Quella era la ‘sua’ casa e lui sarebbe rimasto, che ci piaceva o no. A quel punto, visto che il fantasma ‘non mollava’, siamo stati noi a cedere.

Nel giro di un paio di settimane abbiamo raccolto tutte le nostre cose e ci siamo traferiti in un’altra casa, senza mai voltarci indietro.


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

23 Commenti su “Che paura in quella casa, spaventata e cacciata dagli spiriti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *