Comunicare con gli Spiriti. Salvato da una tavola Ouija

Per comunicare con gli spiriti bisogna seguire alcuni passaggi fondamentali come una seduta spiritica, una tavola Ouija o tramite un medium.

Nella vita però succede anche di comunicare con gli spiriti in modo involontario, accade un fatto, sentiamo delle voci, oppure ad esempio abbiamo delle premonizioni.

Queste situazioni possono rappresentare il reale contatto con il mondo degli spiriti senza notare però i classici segni della loro presenza: ectoplasmi, fantasmi, fenomeni poltergeist, voci o rumori inquietanti.

La storia che segue è un fatto realmente accaduto che dimostra quanto può essere impercettibile questo contatto:

Soltanto ai miei amici ho raccontato quanto segue. Non ho mai parlato con i miei familiari, quindi onestamente non so se anche loro hanno mai avuto esperienze paranormali come le mie.

Forse sono l’unico che è riuscito a comunicare con gli spiriti (anche se la mia esperienza l’ho condivisa con un amico, che era testimone).

Sono cresciuto in una zona di campagna, non molto lontano dalla città, diciamo quasi in periferia. La mia casa è abbastanza isolata, e dall’altra parte della strada c’è un grande campo di grano.

Questa strada è abbastanza trafficata, ma di notte è molto buia. Il percorso fa una curva stretta su una collina, prima di passare davanti casa nostra. E credo che questa sia la causa dei molti incidenti stradali avvenuti finora.

La gente guida troppo velocemente e non presta abbastanza attenzione a questa curva pericolosa. Mi ricordo delle tante notti in cui abbiamo sentito un forte rumore, per poi correre in cortile con mio padre e fare il possibile per aiutare i malcapitati, prima dell’arrivo dell’ambulanza e dei vigili del fuoco.

Gli incidenti di solito sono piuttosto gravi. Molte delle vetture coinvolte, dopo aver preso male la curva, circa 9 volte su 10, si sono capottate. Molte persone sono sopravvissute a questi incidenti, ma altre no.

Non so se è questa la causa dei fenomeni paranormali che avvengono a casa nostra, ma è l’unica spiegazione che riesco a trovare dato che la nostra casa non è tanto vecchia e non ci è morto nessuno all’interno.


Non mi ricordo il momento preciso in cui ho iniziato a notare queste cose strane. La prima cosa che ricordo della mia adolescenza (ci siamo trasferiti in questa casa quando avevo 13 anni) è un fatto molto inquietante.

Vedevo delle persone estranee nello specchio nel mio bagno, che si trova alla fine di un lungo corridoio, e quando la porta è aperta si vede riflesso nello specchio. Mentre mi guardavo allo specchio, per sistemarmi, mi capitava di vedere qualcuno che camminava lungo il corridoio. Quando mi voltavo a guardare, il corridoio era vuoto, non c’era nessuno.

Questo fatto è successo molte volte, e ho potuto vedere diverse persone (anche se le ho sempre viste singolarmente).

I due tizi che ho visto con più frequenza, e che ricordo meglio, erano un uomo e una donna. L’uomo era alto e indossava un abito scuro. La donna era esile, aveva i capelli scuri e indossava una camicetta nera e un pantalone scuro. Non ho mai visto i volti di queste persone – le ho sempre viste di spalle, mentre camminavano lungo il corridoio.

Ogni tanto accadono altre cose strane, ad esempio le tende della mia camera ondeggiano e si muovono da sole. Non c’è un ventilatore e nemmeno l’aria condizionata, e quando succede la finestra è anche chiusa.

Sento spesso una presenza, come se c’è qualcuno in camera con me durante la notte. Non ho mai visto nessuno, non sono mai riuscito a comunicare con gli spiriti direttamente, ma la cosa mi fa rabbrividire solo a pensarci.
comunicare con gli spiriti salvato da una tavola ouija 2U

na delle esperienze paranormali più strane è accaduta una notte, quando mi trovavo in casa con il mio migliore amico. Eravamo annoiati e ci siamo messi a scherzare con una tavola Ouija. Il gioco continuava a “dirci” qualcosa a proposito di un incidente e di un campo di grano. Pensavamo a qualcosa accaduta nel passato.

Mentre eravamo seduti, abbiamo sentito un rumore metallico, sembrava come se un grosso bidone rotolava giù per la strada. Ci siamo affacciati fuori dalla finestra ma non abbiamo visto niente, poi abbiamo sentito il rumore di una macchina che percorreva lentamente il lungo vialetto, che alla fine è sterrato. Abbiamo sentito la ghiaia che scricchiolava sotto le gomme di un’automobile.

Il mio amico e io ci siamo guardati e immediatamente siamo balzati in piedi, abbiamo spento la luce sporgendoci dalla finestra per guardare fuori. Non c’era niente. Ci siamo chiesti cosa poteva essere successo, e alla fine abbiamo deciso di uscire fuori a controllare.

Era già buio e dopo aver guardato intorno con una torcia, non abbiamo notato niente di strano. Stavamo per tornare in casa quando dalla strada principale è passata una macchina, i suoi fari hanno illuminato il campo di grano, riflettendosi sul telaio di una vettura uscita fuoristrada.

Quel rumore metallico che avevamo sentito era in realtà il rumore di un incidente, o meglio il capovolgimento di quell’auto. Era finita su un fianco nel campo di grano vicino casa.

Potrebbe essere stata solo una coincidenza, ma noi crediamo che la tavola Ouija ci stava dicendo qualcosa, era un modo per comunicare con gli spiriti, con quel suono metallico e lo scricchiolio della ghiaia voleva dirci che qualcuno aveva avuto un incidente e aveva bisogno di aiuto.

Se non fosse stato per questo, per come la vettura era finita nascosta nel campo e il buio che la circondava, l’incidente non sarebbe stato scoperto fino al mattino seguente, e la persona che c’era all’interno non sarebbe sopravvissuta.


Guarda anche:

18 Comments on “Comunicare con gli Spiriti. Salvato da una tavola Ouija”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *