iFantasmi.it

Storie vere di fantasmi.

Ecco il Portale per l’Inferno, non entrate in quella casa

Dietro la facciata anonima di una casa si nascondeva il ‘portale per l’inferno’, un luogo dove i bambini venivano ‘posseduti’ dai demoni e accadevano fatti terribili.

E’ la casa con il ‘portale per l’inferno’ e dopo averla acquistata nel 2014 per soli 35.000 dollari, il produttore Zak Bagans ha deciso di farla demolire. Nel luogo, posseduto dai demoni, è stato girato un documentario di prossima uscita, che contiene delle sconvolgenti testimonianze (roba forte!): strani rumori e voci che provengono dal seminterrato, un bambino che levita nel suo letto e pareti che trasudano un orribile liquido biancastro. Decine di eventi paranormali registrati e supportati dalla testimonianza diretta di medici, infermieri, un sacerdote, e diversi agenti di polizia, che hanno confermato tutto.
Ecco il Portale per l'Inferno, non entrate in quella casa 2

La casa, demolita di recente, si trovava a Gary, nello stato dell’Indiana, per lungo tempo è stata segnalata come fucina di attività demoniache. La sua vecchia proprietaria Latoya Ammons ha raccontato che, lei e i suoi tre figli, in quella casa sono stati posseduti dal diavolo. Una testimonianza che è stata confermata da agenti del dipartimento di polizia locale e dagli operatori di assistenza sociale del luogo.

Dentro quella casa c’erano ‘presenze’ che avevano la capacità di fare cose mai viste prima, incredibili e inspiegabili. Un’entità oscura, molto intelligente e potente. In effetti, la possessione e il successivo esorcismo della famiglia Ammons è stata documentata con un filmato girato dalla Polizia all’interno della casa.

Nel video della durata di circa un’ora gli agenti raccolgono le testimonianze dei bambini sollevati in aria e scagliati contro pareti e mobili; degli adulti che venivano ‘soffocati a morte’ da una forza sovrannaturale; di una forma demoniaca che appariva in diversi aspetti – l’ombra di un uomo, un mostro dalla sagoma nera; l’apparizione di una vecchia signora magrissima, con gli occhi rossi e un cappuccio in testa; le pareti della casa che hanno sanguinato; i tre bambini sopraffatti dalle convulsioni che cantavano orribili versi satanici.

Tra le sconvolgenti testimonianze degli spaventosi fatti accaduti in questa casa c’è quella della madre della signora Ammons: “un giorno, mentre mi trovavo in casa da sola per fare qualche pulizia ho cominciato a tossire e mi sentivo la gola dolorante … pregavo per tutto il tempo. A loro non piace affatto che si preghi. Qualcosa laggiù mi stava soffocando a morte, non so cosa fosse.”

Le due manifestazioni fisiche più inquietanti sono state testimoniate da diversi medici e dagli agenti delle forze dell’ordine.

Nella prima, durante una visita del medico di famiglia al figlio più piccolo, di 7 anni, l’entità demoniaca ha cercato di uscire dal corpo del bambino. “La testa girava, gli occhi tremavano, la bocca era distorta, – racconta la donna – il demone ha iniziato a parlare in lingue sconosciute, poi ha scaraventato mio nipote in aria”.

L’infermiera che ha assistito alla scena si è rifiutata di tornare in quella stanza, mentre il medico, rendendosi conto che di fronte a quella situazione poteva fare ben poco, ha chiamato la polizia e un’ambulanza per trasferire il bambino al pronto soccorso.

Nel frattempo, in un’altra stanza della casa c’era anche il fratellino vittima della possessione demoniaca, che ringhiava e camminava all’indietro, scalando la parete e arrivando al soffitto, poi è scivolato atterrando sul pavimento.

Il bambino non aveva nessun ricordo dell’evento, che è stato testimoniato da infermieri, assistenti sociali e paramedici che lo hanno trascritto nei rapporti ufficiali.

Il capo della Polizia di Gary quel giorno si trovava lì, ha assistito a quello che hanno ripreso le telecamere. Era entrato in quella casa da scettico e ne è uscito convinto di aver appena visto il ‘portale per l’inferno’.

56 commenti su “Ecco il Portale per l’Inferno, non entrate in quella casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *