Fantasmi medievali nel Castello di Macereto tra i monti Sibillini

Fantasmi medievali nel Castello di MaceretoSpinti dalla ricerca di storie vere e leggende di fantasmi ci siamo imbattuti in un piccolo borgo dell’Umbria e precisamente nel Castello di Macereto.
Arroccato a 300 metri, è situato in provincia di Perugia nei monti Sibillini, precisamente nel paese di Macereto Alto, località Tavernelle.
Qui, tra chiari di luna e notti nebbiose, aleggiano numerose figure spettrali di uomini, dall’animo coraggioso. Fantasmi d’un tempo passato, che cercano luce dall’oblio dei secoli che li ha sepolti.


Era infatti il Quattrocento l’epoca in cui le scorribande  del luogotenente Ciarpellone riuscirono a saccheggiare ferocemente il borgo di Piegaro, dirigendosi poi verso il Castello di Macereto, saccheggiando anch’esso e trucidando i valorosi soldati che tentarono un’ultima difesa.

Questa è la vera storia del piccolo borgo di Macereto, immerso nel verde dei boschi lungo la via Pievaiola, che collega Piegaro a Città della Pieve, in Umbria.

Un luogo molto suggestivo, dalla cui torre, guardando in lontananza, nelle giornate limpide, si scorge un promontorio che si affaccia sul lago Trasimeno.

Fino alla prima metà del Quattrocento, il paese era costituito da un pugno di case vicine senza difesa, poi intorno al 1452, gli abitanti chiesero ed ottennero dal pontefice Niccolo V alcuni privilegi per cercare di risollevare l’economia del borgo e costruire le necessarie fortificazioni del Castello di Macereto. Proprio in quegli anni viene annoverato tra i castelli del contado perugino. Ma un tragico destino spazzò via le vite e compromise il futuro della comunità.

Di quelle lotte intestine e dei feroci saccheggi, restano oggi delle visioni che si materializzano la notte. Il luogo è rimasto infestato da un esercito di soldati e cavalieri in assetto da battaglia, schierati spalla a spalla e intenti a scendere le scalinate del maniero, un plotone che suscita paura e riesce ancora a incutere terrore. Chi l’ha visto racconta di fantasmi in arme medievali, con occhi incavati e ossa in bella mostra, usciti dalle tenebre e pronti a sfidare qualsiasi nemico.


Guarda anche:

72 Comments on “Fantasmi medievali nel Castello di Macereto tra i monti Sibillini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *