iFantasmi.it

Storie vere di fantasmi. Fotografie video e resoconti di indagini paranormali. Su iFantasmi mistero, ghosthunter, orbs, ghost. Luoghi e castelli infestati

Great House, fantasmi carrozze e una bimba che piange

Condividi su TwitterFacebook

Great House, gli spettri la carrozza e la bimba che piange
Great House
è un noto pub situato nel paese di Elland, nel West Yorkshire (Regno Unito), a lungo conosciuto come ‘The Fleece‘ fino al 1997. L’edificio che ospita il pub era in passato una vecchia locanda che serviva viaggiatori stanchi a cui forniva un luogo di riposo e ristoro.

Si narra che un viaggiatore (soprannominato “Leathery Coit“) sia stato ucciso nella locanda intorno al 19° secolo, e che il suo corpo fu trascinato giù dai gradini di legno di una scala, lasciando una scia di sangue indelebile nel tempo.

Poco dopo, la gente ha iniziato a raccontare di aver visto una carrozza fantasma uscire dalle stalle e aver sentito un tintinnio violento e spettrale di zoccoli di cavallo. Il suo fantasma senza testa che indossa un cappotto in pelle, è stato visto tornare spesso a Great House.

Altri giurano di aver udito dei rumori nel bar e nelle stanze dell’abitazione, come se ci fossero persone che si muovevano nelle stanze vuote.

Immagini di fantasmi sono state fotografate in un appartamento al piano superiore. Durante una seduta spiritica tenutasi sul posto, il fantasma di un uomo aveva brutalmente graffiato al collo uno dei partecipanti.

Prima che l’edificio fosse convertito in una locanda, vi si riunì una congregazione segreta chiamata “Thumpers”. Gli adepti credevano nella lode di Dio saltando su e giù mentre pregavano. Questa attività scosse così tanto il pavimento che una sedia nella stanza balzò di qua e di là insieme ai devoti. Anni dopo che la setta si era sciolta, quella sedia girava ancora da sola spontaneamente.

Una vicenda collegata a Great House racconta dell’apparizione di una bambina piangente vista da più persone, mentre se ne stava in piedi su una rampa di scale tortuose, si ritiene che lei fosse una cameriera del locale, morta dopo essere state spinta giù per i gradini, rompendosi l’osso del collo.


Guarda anche: