I fantasmi del Cremlino

I Fantasmi Del Cremlino
I fantasmi del Cremlino sono stati avvistati da molti testimoni oculari. Spesso si racconta che le antiche fortezze, sedi naturali di battaglie, siano infestate da fantasmi e spiriti di anime sconfitte che vagano per secoli, in cerca di pace.

Il Cremlino era inizialmente una fortezza, poi un castello e, più recentemente, è stato il quartier generale di una grande potenza mondiale che stava diffondendo la rivoluzione operaia in tutto il mondo.

Conflitti politici interni, omicidi di leader politici e ordini spietati per uccidere milioni di persone contaminano la storia di un gigante dell’architettura nel cuore di Mosca, in Russia. Leggende di spiriti irrequieti che vagano per il Cremlino si raccontano in tutti gli angoli dell’ex Impero russo e le terribili storie hanno spinto le persone a chiedersi quanto della sanguinosa storia del Cremlino rimane ancora nascosto.

Tra i fantasmi del Cremlino ci sono personaggi illustri come Lenin, Ivan il terribile e Kirov, oltre a molte persone semplici i cui nomi sono andati perduti prima di essere registrati nella storia russa.

In origine, l’area in cui si trova oggi il Cremlino era considerata una terra “sacra”: le persone provenivano dalle zone vicine in cerca di guarigione da una grande pietra nel terreno. Dopo che l’impero di Bisanzio influenzò la Russia a convertirsi al cristianesimo, circa 30 monasteri circondavano l’area, rendendo la zona un luogo di pellegrinaggio.

Quando la Russia divenne detribalizzata e centralizzata, il luogo che oggi è la Piazza Rossa fu utilizzato per le esecuzioni pubbliche ed era circondato da un fossato, nel quale furono gettati i resti di prigionieri torturati.

Fu all’interno delle mura del Cremlino che il famigerato Ivan il Terribile, a causa della sua brutalità, uccise suo figlio con rabbia cieca. Lo zar Nicola I ha menzionato nelle sue memorie che il fantasma di Ivan il Terribile lo visitava negli alloggi reali.

Si dice che Ivan il Terribile abbia nascosto i libri con elenchi di persone che ha torturato e ucciso direttamente o indirettamente: i libri neri, come li chiamano gli storici russi. La storia narra che il monaco che aiutò lo zar con questo compito rimase per sempre intrappolato al Cremlino. Letteralmente, Ivan il Terribile avrebbe ordinato di legare insieme il monaco e i libri, facendoli sparire per sempre nel muro del Cremlino, dopo ricoperti di mattoni di pietra. Si dice anche che lo spirito del monaco cammini nei corridoi del Cremlino.

Il Cremlino si è evoluto nel corso degli anni dal punto di vista architettonico, ma il significato storico delle sofferenze inflitte tra le sue mura in passato non cambierà mai.

Alcuni dicono che finché il corpo di Lenin rimarrà nel Mausoleo vicino al Cremlino, lo spirito di Lenin non avrà pace ed è per questo che il fantasma di Lenin appare anche nei corridoi.

Il leader del partito comunista, Sergej Mironovič Kirov, è stato assassinato all’interno del Cremlino, in un corridoio che portava al suo stesso ufficio.

Ivan il Terribile maledisse la sua biblioteca e uccise la persona che sapeva dove era nascosta.

Stalin ha perso il suo quartier generale al Cremlino quando era lontano da Mosca e si dice che vi ritorni ogni tanto anche oggi, dall’aldilà. Il Cremlino non conoscerà la pace per molto tempo.


Guarda anche: