Il fantasma di Messalina appare nei pressi del Colosseo a Roma

Tra le storie dei fantasmi che aleggiano sulla Capitale c’è quella del fantasma di Messalina. Lo spirito della giovane figlia di Marco Valerio Messalla Barbato, console di Roma, e Domizia Lepida, si aggira tra il Colle Oppio e Villa Medici, dove incontrò l’ultimo dei suoi amanti.
Messalina a soli 12 anni era già una delle donne più desiderate di Roma per la sua bellezza. Uccisa a soli 23 anni da un tribuno militare che, mentre la afferrò per i capelli e la trafisse, avrebbe esclamato: “Se la tua morte sarà pianta da tutti i tuoi amanti, piangerà mezza Roma!”.
Il fantasma di Messalina a RomaUna donna irrequieta ed insoddisfatta, anche dopo quasi duemila anni, continua a tormentarsi e a tormentare la gente, da fantasma però.

A quanto pare incontrarla non è difficile, alcuni l’hanno vista passeggiare nei giardini di Colle Oppio, tra le rovine della Domus Aurea a Roma.
Basta attendere la notte, e mentre la maggior parte della città dorme, con un po’ di fortuna si può scorgere il suo fantasma vagare disperato alla ricerca dell’ennesima …. avventura.

Le prime voci sul suo avvistamento iniziarono a circolare tra i senzatetto, tanto che si pensava fosse una notizia falsa, in seguito il fantasma è stato avvistato da altre persone, di diversa estrazione sociale e la storia del fantasma di Messalina è entrata di diritto nelle storie dei fantasmi di Roma, tramandata nel corso dei secoli attraverso cronache e romanzi di epoche differenti.

Il fantasma di Messalina continua a vagare tra le rovine romane alla ricerca di un giovane amante, solo allora, il suo fantasma troverà pace e sparirà definitivamente.

Quindi se vi trovate a passeggiare di notte nei dintorni del Colosseo, non abbiate paura se, improvvisamente, davanti a voi si mostra la figura eterea di una bella donna vestita di bianco, con i lunghi capelli sciolti sulle spalle … è Messalina!


Ti potrebbero interessare anche:


8 Commenti su “Il fantasma di Messalina appare nei pressi del Colosseo a Roma”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *