Negozio vende comò infestato dai fantasmi su Facebook


Solitamente un negozio dell’usato è considerato un ottimo posto dove trovare libri usati, oggettistica per la casa e opere d’arte potenzialmente di valore, e se sei fortunato puoi anche trovarci un comò infestato dai fantasmi, che tormentavano il vecchio proprietario.

Negozio vende comò infestato dai fantasmi3

Come riporta il sito WBTV, un negozio appartenente a una società a scopo umanitario della Carolina del nord, ha venduto un antico pezzo di arredamento che si presume sia “posseduto” anche dagli spiriti, pubblicizzando apertamente la sua cattiva reputazione.



La “Habitat for Humanity ReStores” è un’organizzazione che vende beni usati, elettrodomestici e roba varia, per raccogliere fondi da destinare alla costruzione di abitazioni in tutto il mondo. I responsabili della sede di Salisbury hanno ricevuto una donazione accompagnata da un inquietante avvertimento: il comò incluso in questa camera da letto è infestato dai fantasmi.

Gli addetti alla vendita hanno anche pubblicato le foto della camera da letto in questione nella pagina Facebook del negozio, specificando chiaramente agli eventuali interessati che si trattava di un pezzo “particolare”.
Infatti sui mobili esposti in negozio è stato messo un evidente cartello che riporta il seguente messaggio: “il proprietario precedente riferisce che il comò è infestato dai fantasmi e lui e sua moglie, in quella camera da letto, avevano continuamente degli incubi, inoltre i loro cani non smettevano mai di abbaiare”.

Negozio vende comò infestato dai fantasmi2
L’annuncio su Facebook

Presenze demoniache a parte, il comò è un prezioso mobile degli anni ’50 scolpito a mano, venduto assieme a un letto matrimoniale a baldacchino per 1000 dollari.

Secondo quanto riportato dalla responsabile gli acquirenti: “Sono clienti abituali e hanno detto di esserne affascinati, ma non credono che questo comò sia infestato”, ha detto la responsabile del negozio.
Per ragioni di privacy i nomi dei clienti non sono stati resi noti, quindi non sappiamo come hanno dormito i nuovi proprietari del comò …


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *