Noto reality show interrotto da un fantasma

Noto reality show interrotto da un fantasma
Un fantasma ha rovinato la premiere di un noto reality show. Concorrenti e troupe sotto shock dopo che un’entità spettrale è apparsa in una finestra della suggestiva location scelta per le riprese televisive.

Mentre il castello infestato dava il benvenuto ai suoi nuovi ospiti per un “soggiorno da paura” di tre settimane, è stato avvistato un fantasma in una delle finestre della storica residenza. Il profilo di una figura umana è stato ripreso dalla telecamera che scrutava nella notte.

E’ accaduto durante la prima puntata della nuova serie del noto programma televisivo britannico dal titolo “I’m a Celebrity… Get Me Out Of Here!” (Sono una celebrità … portami fuori di qui!), un reality show di sopravvivenza, prodotto da ITV Studios e trasmesso su ITV dall’Australia. Nel format un gruppo di celebrità convive in condizioni estreme con pochi comfort.

A causa del rischio rappresentato dalla pandemia COVID-19, la stagione 2020 sarà trasmessa dal Galles con un previsto ritorno in Australia a partire dal 2021.

Ad ospitare il reality show è il castello di Gwrych, una residenza di campagna del XIX secolo, di interesse storico culturale, situata nel Galles.
Il castello e la tenuta di 100 ettari sono di proprietà privata. All’interno dell’area del castello di Gwrych ci sono un paio di fortezze dell’età del ferro, un santuario romano, miniere di piombo e argento e importanti luoghi di battaglia medievali.

Ma l’apparizione del fantasma in diretta tv non è una novità per gli abitanti di queste zone, la fortezza in questione ha una lunga storia di avvistamenti di fantasmi e storie maledette.

Sul sito web del castello di Gwrych si legge: “gli incontri di fantasmi da parte dei visitatori del castello sono all’ordine del giorno”. Un dipendete ha raccontato: “Molte persone hanno affermato di aver visto lo spettro di una donna fluttuante vestita di bianco”.

Noto reality show interrotto da un fantasma

Si tratterebbe della precedente padrona di casa, Winifred Hesketh, contessa di Dundonald, morta nel 1924. L’apparizione di una donna è stata vista da diversi testimoni oculari nel corso degli anni – a volte è stata vista fluttuare in un abito rosso, altre volte in bianco. Si dice anche che il fantasma della contessa sia uno spirito vendicativo, dopo che suo marito – l’aristocratico scozzese Douglas Cochrane, il 12° conte di Dundonald – fece sparire tutti gli oggetti di valore dalle loro proprietà.

Una foto agghiacciante scattata 10 anni fa mostra una giovane donna pallida e ombrosa al primo piano, in quella che era una magnifica sala per banchetti. Alcuni abitanti del luogo credono anche che lo spirito errante sia di una serva morta cadendo da cavallo. Altri riferiscono di aver visto i fantasmi degli ex giardinieri intorno al castello.

Gemma Williams, una nota investigatrice del paranormale, dopo avervi trascorso la notte ha raccontato di essere stata “inseguita da una donna splendente che indossava un vestito rosso. I miei amici ed io abbiamo subìto uno shock a guardarla. Indossava un vestito rosso, vecchio stile, uno scialle bianco sulle braccia e capelli biondi e ricci. Abbiamo sentito un urlo potente, era davvero, molto forte, che ci ha fatto scappare. Siamo corsi giù dalla parte anteriore del castello a tutta velocità. Siamo arrivati tutti in fondo e abbiamo detto uno per uno che avevamo visto una signora vestita di rosso. Non c’era altra spiegazione”.

Tra i numerosi casi di apparizioni citiamo quello del pugile Randolph Turpin. Lo sportivo fu ospite del castello nel 1951, e una mattina, durante il consueto allenamento, stava correndo nel parco quando si imbatté in una donna in lacrime. Le si avvicinò, ma improvvisamente la donna svanì nel nulla, davanti ai suoi occhi.

Infine il disastro ferroviario di Abergele del 1868 si è verificato a meno di un miglio di distanza, 33 persone rimasero uccise in quella tragedia, e le scogliere su cui si trova il castello sono state teatro di naufragi nel corso degli anni, inducendo a speculare che le vittime di tali tragedie infestano anche la campagna locale.


Guarda anche: