Operaio scopre fantasma della madre dietro la finestra


Ecco l’ennesimo episodio che ha dell’incredibile: un operaio scopre fantasma della madre. Questa storia si svolge in Inghilterra dove alcuni operai intenti a demolire la Meadowbank House a Kendal, nel distretto di Cumbria, non credevano che quella casa che stavano per buttare giù fosse infestata da fantasmi, e che gli avrebbero giocato un brutto scherzetto.

Operaio scopre fantasma della madre dietro la finestraInfatti, mentre alcuni di loro erano intenti a lavorare, in una delle numerose stanze dell’edificio, un vecchio lampadario ha iniziato ad oscillare da solo, misteriosamente. Sono bastati pochi attimi e gli operai, fuggiti di corsa, si sono ritrovati nell’atrio della casa, a quel punto un operaio della squadra ha deciso di scattare una foto all’edificio, per avere una prova di quanto stava accadendo, e l’apparizione paranormale che si è manifestata in una finestra li ha proprio convinti.

“Ma questa è mia madre”, ha esclamato con grande sorpresa David Grimshaw, uno degli operai che lavorava nel cantiere. “Sono assolutamente convinto che era lei” ha aggiunto l’operaio.


La madre di David, Frances Grimshaw, quando era in vita aveva lavorato presso la guest house di Kendal – la donna è morta a causa di una malattia circa un anno fa.

Il capocantiere e supervisore alla demolizione Robert Johnson, che ha scattato la foto, ha raccontato ai media, incuriositi dal caso, di come si sono svolte le cose: “Non mi sono accorto di nulla fino a quando sono arrivato a casa e l’ho mostrata a mia moglie, e lì abbiamo individuato la donna … Non ho mai visto nulla di simile prima – l’immagine è così chiara. Sono sempre stato scettico, ma ora dovrò credere ai fantasmi” ha concluso Johnson.

Operaio scopre fantasma e la foto, diffusa dai maggiori quotidiani online di oltremanica, mostra chiaramente la sagoma delineata di una donna, dietro i vetri di una finestra di Meadowbank House, questo è un altro mistero sui fantasmi che dovrà essere svelato …


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *