Premonizioni, tanti casi ma non sempre salvano la vita


Le premonizioni sono considerate da molti psicologi e scienziati delle capacità telepatiche, nonostante lo scetticismo di alcuni.

Sono numerosi i casi storici di premonizioni venuti alla luce negli ultimi anni, come pure numerosi sono i casi minori di premonizione, condivisi attraverso i social media, e quelli che accadono a tutti noi e che magari non abbiamo mai avuto il coraggio di raccontare.

L’affondamento del Titanic è stato preceduto da una serie inquietante di episodi.
Il transatlantico britannico, diventato tristemente famoso per la collisione con un iceberg nella notte tra il 14 ed il 15 aprile 1912, affondò drammaticamente nelle prime ore del mattino.

Alcuni hanno raccontato che una gatta e la sua cucciolata fu allontanata dalla nave, un fatto che è stato considerato come un segno di sfortuna.

Dopo l’affondamento, la gente ha inventato delle voci che parlavano di una mummia maledetta trasportata a bordo. Altri sostenevano che siccome una bottiglia di champagne non si era rotta, durante il battesimo della nave, il transatlantico era destinato ad affondare.

Questi racconti e molti altri sono stati smascherati, bollati come fandonie.


Quello che può ritenersi vero è che molte persone hanno predetto l’affondamento del Titanic attraverso delle premonizioni, alcune di queste persone si rifiutarono di salire a bordo della nave, salvando così la loro vita.

Anne Ward era una domestica della facoltosa famiglia Cardeza, che ha comprato la suite più costosa sul Titanic ed è sopravvissuta al naufragio. Si è rifiutata di salire a bordo della nave dopo aver avuto un presentimento che qualcosa di brutto sarebbe accaduto durante il viaggio inaugurale.

Anche il Maggiore Archibald Willingham Butt ebbe una premonizione, ma decise di affrontare il viaggio, eppure aveva preparato il suo testamento prima di salire, temendo giustamente che non ce l’avrebbe fatta a tornare in Europa vivo.

Un altro caso clamoroso fu riportato dai media nell’ottobre del 1966. Ad Aberfan, una località del Galles, la piccola Eryl Mai Jones predisse la sua morte e quella dei suoi compagni di classe. La sconvolgente notizia apparse sul Daily Mail, in pratica la bambina disse alla madre che non aveva paura di morire perché sarebbe stata in compagnia di Peter e June.
titanic

Trascorsi alcuni giorni, il 20 ottobre, Eryl raccontò di aver fatto un sogno in cui una sostanza nera ricopriva la scuola quando era vuota. Il giorno successivo, il 21 ottobre 1966, le conseguenze dell’esplosione di una miniera di carbone distrussero la scuola, uccidendo più di cento bambini. Anche la piccola Eryl Mai, di soli dieci anni, morì e fu seppellita accanto ai suoi compagni di classe, Peter e June.


TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

16 Commenti su “Premonizioni, tanti casi ma non sempre salvano la vita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *