Questa casa è infestata dai fantasmi – Guarda il video

La storia che segue è accaduta a un nostro lettore che ci racconta la brutta esperienza di ritrovarsi in una casa infestata dai fantasmi, e trovarsi di fronte allo spirito di una defunta, chiamata “Signura”, che a tratti rivela il suo atteggiamento malvagio, terrorizzando i curiosi e che riesce anche a procurare danni fisici a chi osa sfidare la quiete delle tenebre Nella foto allegata, scattata all’interno delle stanze infestate, si possono vedere gli orbs, anche molto numerosi.
Ecco la storia:


“Vivo in un paese del sud a Ceglie Messapica (Br). Ho 17 anni e un mio amico e coetaneo appartiene ai nobili di un tempo, perciò la nonna vive in un palazzo del 700, io e il mio amico siamo appassionati di fantasmi e mi ha sempre raccontato storie su ciò che accade a casa della nonna, mi ha sempre detto che la nonna nega sempre ogni presenza, sicuramente per non farlo spaventare, ma sia lui che suo fratello e sua sorella giurano che ci sono molti casi strani, piatti che si rompono, strane voci, rumori in stanze chiuse a chiave, immagini di altre persone allo specchio, armadi che si aprono e si chiudono, rumori di passi, luci che si spengono, oggetti in movimento e strane ombre. Ma tutto questo solo quando la nonna non è in casa.

Io molto curioso a un certo punto gli chiesi di visitare la casa infestata dai fantasmi, lui ha accettato e siamo andati, la casa è immensa, piena di stanze e di foto di quando la famiglia era nobile, con la servitù e tutto il resto. Come arrivai non sentii niente, c’era la nonna. Poi lei andò via, “per sfortuna”, e cominciammo a sentire rumori da una stanza, andammo a vedere ma era chiusa a chiave, a un certo punto sul tavolo un cartoncino si comincio a muovere e quasi fluttuava, sentimmo rumore di chiavi. Cosi tanta era la paura che scappammo nel “salone”, l’unica stanza dove non succede mai niente, ma da li ci sono tutti i corridoi per le altre stanze e sentivamo tanti rumori, lui mi disse che non aveva mai sentito cosi tanta attività, forse perché io ero l’estraneo … a un cero punto in una stanza si aprì un armadio e scappammo … ma con la coda dell’occhio vedemmo una bambina vestita di bianco uscirne … non ce la facevamo più … ci sentivamo soffocare … poi ci riprendemmo e facendoci coraggio andammo nella “sala”, la stanza con maggiore attività, e appoggiamo il suo telefonino su un comodino e facemmo un video, sentimmo rumori e scappammo di nuovo nel salone, ci eravamo tranquillizzati ma a un certo punto sentimmo “tic”, è il rumore dei Samsung quando stoppi i video, ma in casa c’eravamo solo noi, come era possibile che si fosse stoppato solo?

Questa casa è infestata dai fantasmi
Ci prese il panico, forse lo spirito se ne accorse e si scatenò dando rumori e spegnendo luci … a un certo punto sentii un bruttissimo dolore al ginocchio … il mio amico non ne poté più e urlò: ma che ti prende? Io sono, Pierfelice, perché ti comporti cosi? Io dissi: e per me? Se è cosi dacci un segno! E da lì sentii un rumore provenire dall’altra stanza e cominciammo un vero e proprio dialogo con il fantasma.

Chiedemmo se fosse maschio e non rispose, chiesi se era femmina e fece un rumore, chiesi perché ce l’avesse con me e se gli fossi antipatico e fece rumore, poi chiedemmo di smetterla e per 5 minuti fece un casino incredibile, poi urlai: vuoi che me ne vado? E per 10 secondi la luce si spense e si accese, chiesi se era lei a farmi male al ginocchio, e fece rumore, volevamo scappare ma il mio amico voleva il telefono che era nell’altra stanza, cosi urlai: io me ne vado se lasci prendere il telefono al mio amico, va bene? Il fantasma fece un rumore fortissimo … allora lo prendemmo ed effettivamente ce lo lasciò prendere senza manifestarsi.

Poi non ce ne stavamo andando da quella casa infestata dai fantasmi e comincio a far casino e dissi: vuoi davvero che me ne vada? Non ti faccio niente sono bravo! E comincio a far rumore e spegnere e accendere luci, stavolta contemporaneamente, cosi urlai: smettila, me ne sto andando ciao … e la smise, e scendendo le scale per andar via sentimmo un urlo fortissimo … cosi corremmo velocemente e scappammo via … andammo da un altro nostro amico e li ci ricordammo del video girato nella casa infestata dai fantasmi e vedemmo che ben 19 piccole lucine apparvero una alla volta e si muovevano, dopo che noi lasciammo la stanza, e dal video si nota che una luce si avvicina al cellulare e in momento stoppa il video, si nota anche che compare un ombra e che si sposta una sedia … quindi raccontammo tutto alla nonna che ormai non poteva più negare, e ci spiegò che quella casa fu acquistata dalla sua famiglia agli inizi del ‘900 anche se risale al ‘700, e che li all’inizio abitava una bellissima signora con la sua serva, che furono assassinate, e da lì ogni tanto si vedeva questa bella signora sul balcone che invitava a salire tutti i belli uomini, che una volta saliti scomparivano per sempre “è tutto documentato”.

Ci spiegò che quella casa è infestata dai fantasmi di tutti questi uomini e di questa “SIGNURA” e che odiano i nuovi ospiti, mentre con lei no perché è da molto che vive li. Disse che ogni tanto gli appare ma in modo giocoso, cosa che non fece con me perché mi fece molto male e ancora ora dopo 7 mesi ho i brividi a raccontarlo.
Giuro che questa storia è verissima esiste anche un video, vi prego datemi dei consigli per comunicarci senza problemi o scacciarli.

Comunque mi sono scordato di dire che in quel palazzo ce una stanza completamente murata “per impedirne l’accesso” e c’è solo una piccola finestra di 20×20 cm massimo, si intravede una corda appesa come per impiccarsi, e una sedia, la nonna da bambino diceva sempre al mio amico di non cercar mai di andare li perché c’è il MALE, qualche anno fa li c’era una porta e non la finestrella …”.


Guarda anche:

30 Comments on “Questa casa è infestata dai fantasmi – Guarda il video”

  1. se voi ci fate caso nel video guardate sotto il letto cosa c’è li accanto al mini tavolino sembra un volto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *