Veneto – Misteri e storie vere di fantasmi

Il Veneto è una regione dell’Italia nord-orientale. Le sue province, oltre al capoluogo Venezia, sono: Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Verona e Vicenza.
Anche queste terre hanno i loro castelli, fortezze e ville infestati da fantasmi e spettri. Luoghi maledetti citati nei racconti del terrore e nelle leggende popolari, animati da personaggi eterei e presenze che sconfinano nel mondo reale. Storie di luoghi infestati e fantasmi che raccontano vicende che si perdono nel mistero …
Storie di Fantasmi in Veneto:

3 Commenti su “Veneto – Misteri e storie vere di fantasmi”

  1. In una foto fatta da mia figlia sulla torre, ero trasparente … Non sono stata fotografata … sono riapparsa dopo poco riguardando la foto … C’erano altri che possono testimoniare … Si sono manifestati due bimbi gemelli con scritto 2 … sopra I MERLI DEL CASTELLO …
    Fotografando sempre sulla torre mia figlia che stava salendo, una luce azzurra mi ha accompagnato … In una foto fatta da un amica e’ apparso un volto arrabbiato, causa disturbi e schiamazzi avevo sentito … Mia amica ha detto che domenica c erano tanti bambini … Io sento da bambina … riesco a percepirli … Mai x curiosità … Ma prego x loro … Che trovino la pace.

  2. io so che il Castello di Zumelle è pieno. ne avevo intravisti e percepiti quando ci avevano portati a visitarlo, in quinta elementare (anche là ce ne sono). inoltre, anche nell’ex biblioteca del mio paese, allo Stella Maris di Feltre, ne ho percepiti anche in acluni cimiteri, etc. per non parlare delle chiese. tutte quelle nella quale sono entrata erano piene (chissà perchè). purtroppo, ora mi sono venuti in mente solo questi posti. se dovessero venirmene in mente degli altri, li aggiungerò.

  3. Non so se sia vero ,poiché è sempre stato uno che le”spara grosse “;ma un mio amico anni fa mi raccontò che ad asiago ,in un campo ,senti delle voci e dei passi ;il giorno dopo ,guardando le foto che avevano scattato, si accorsero che si apparivano dietro di loro gli spiriti dei militari che erano morti lassù …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *